skip to Main Content
Approvato il bilancio, per i soci 53 euro al quintale

Approvato il bilancio, per i soci 53 euro al quintale

 

Il Presidente Fornasari: “Fatto un ottimo lavoro, guardiamo al futuro con ottimismo”

Lavoro, sobrietà, trasparenza e onestà: sono questi alcuni dei termini chiave sui quali si è incentrata la lunga relazione svolta dal Presidente Gianpaolo Fornasari ai soci della Cantina Valtidone durante l’assemblea che si è tenuta nell’ex cinema di Ziano Piacentino. “Abbiamo compiuto un duro lavoro in questo anno e mezzo di mandato – ha esordito il Presidente – Il nostro consiglio direttivo, che ringrazio per il grande impegno profuso, a partire dai Vice presidenti Umberto Pilla e Graziano Alberti, ha da subito assunto impegni precisi che servissero a risanare una situazione economica e finanziaria che pensavamo migliore. Ci siamo invece trovati ad affrontare alcune evidenti criticità e un indebitamento nascosto, dal precedente Consiglio, per ben 3,5 milioni di euro dovuto ad un prodotto finanziario e con scelte anche impopolari ci siamo avviati su una strada di netto miglioramento dei conti, che oggi ci permette di guardare con molta fiducia al futuro”.

“L’anno scorso – ha proseguito Fornasari – tagliando sprechi e rami secchi, siamo riusciti a portare il pagamento delle uve ai soci da 39 a 45 euro, quest’anno la nostra proposta è di arrivare a 53 euro al quintale, cifre che in Cantina non si vedeva dal lontano 2007. E proseguendo su questa strada, confortati anche dai positivi dati di questi primi mesi dell’anno, siamo certi che potremo avvicinare l’anno prossimo il nostro obiettivo di mandato dei 60 euro al quintale. Questo piano di risanamento doveva essere effettuato anni fa e certo i risultati sarebbero stati maggiori già oggi. Ma non disperiamo, sappiamo che il lavoro da fare è ancora tanto, ma grazie alla collaborazione di tutti i soci e al lavoro di dipendenti e collaboratori che voglio qui ringraziare a partire dal Responsabile commerciale Mauro Fontana, siamo certi che potremo toglierci molte altre soddisfazioni”.

“Bisogna ancora ricordare che la gestione negativa della Cantina e la riduzione dei prezzi delle uve liquidate ad un importo sempre inferiore, di anno in anno, ha inciso anche sul prezzo alla pertica dei nostri vigneti per cui, come ha osservato un socio, il danno arrecato è elevato e la valutazione complessiva deve far riflettere tutti”.

Il Presidente Fornasari, dopo l’analisi della situazione economica e finanziaria – di cui ha evidenziato il notevole miglioramento in quanto il debito a breve di circa € 2.400.000,00 è stato azzerato – si è soffermato sui tanti eventi di cui la Cantina Valtidone si è fatta promotrice in questo ultimo periodo, a partire dal grande impegno del Valtidonexpò nel 2015 fino al concorso rivolto alle scuole per la creazione di un’etichetta e a tutte le altre iniziative legate al 50° anniversario della cooperativa borgonovese, per i cui festeggiamenti è stato dato appuntamento a tutti i soci nel prossimo mese di maggio per un evento ad essi dedicato. “Occorre – ha concluso Fornasari – che la Cantina sia sempre al passo coi tempi, si modernizzi nella promozione e nella comunicazione, a partire dalle piccole cose come ad esempio il consegnare ad ognuno di voi soci una copia della relazione di bilancio, cosa che prima non accadeva. E’ un segno di modernità ma soprattutto di trasparenza, perché non abbiamo segreti e con noi non accadrà mai quello che sta accadendo in realtà aziendali nostre confinanti”.

Al termine della relazione del Presidente, introdotta dai saluti del padrone di casa Manuel Ghilardelli, Sindaco di Ziano, l’assemblea ha approvato il bilancio 2015 con 106 voti favorevoli, con 2 astenuti (Pezzati e Rossi) e nessun voto contrario, dando così mandato alla cooperativa di pagare le uve dei soci a 53 euro di prezzo medio al quintale per un totale di oltre 3.250.000 Euro. Il versamento avverrà in 4 rate a partire dal 20 maggio 2016.